Decreto Sostegni Bis: novità su moratorie e garanzie sul credito

Decreto Sostegni Bis: novità su moratorie e garanzie sul credito

Proroga moratoria per le PMI

Il Decreto Legge Cura Italia, ad Aprile 2020, aveva previsto una moratoria del credito per i professionisti, le micro imprese e le PMI. Le misure sono state via via rinnovate durante il periodo di emergenza dovuto al Covid-19 fino all’ultimo Decreto Sostegni bis che ha prorogato la moratoria dei mutui e delle aperture di credito dal 30 giugno al 31 dicembre 2021.

Moratoria per mutui e finanziamenti

Per quanto riguarda i mutui e finanziamenti, nell’ultimo decreto ci sono tre differenze fondamentali rispetto alle precedenti disposizioni:

  1. Il rinnovo della sospensione non è automatico. Per prolungare la moratoria bisogna presentare un'apposita domanda all'istituto di credito ENTRO IL 15 GIUGNO 2021, altrimenti la moratoria viene considerata terminata e l'azienda non potrà più usufruire dell'agevolazione. 
  2. La sospensione riguarderà solo la quota capitale. Pertanto, dal 1° luglio bisognerà pagare nuovamente gli interessi.
  3. La proroga della moratoria riguarda solo imprese e professionisti già ammessi all'agevolazione. Non è possibile presentare nuove domande.

La data fondamentale è pertanto il 15 giugno: termine ultimo per presentare la domanda alla propria banca e non perdere le moratorie già in essere.

Aperture di credito

Vi sono poi misure che riguardano le aperture a revoca e i fidi accordati a fronte di anticipi su crediti:

  1. Gli importi accordati (sia utilizzati che non utilizzati) non possono essere revocati dalla banca fino al 31/12/21, quindi il rinnovo temporaneo è automatico.
  2. Le condizioni dei prestiti non rateali vengono prorogate fino al 31/12/21 senza alcuna formalità.

Provvedimenti per l'accesso al credito con garanzia statale

Il Decreto Sostegni bis conferma inoltre la proroga al 31/12/21 dei finanziamenti con garanzia pubblica. Ne consente inoltre l’allungamento da 6 a 10 anni senza riduzioni sulla percentuale garantita: per la garanzia del Medio Credito Centrale alle PMI la copertura resta invariata al 90%.

Il mantenimento e l’estensione della garanzia va richiesto in concomitanza con la domanda di allungamento del finanziamento o della sua ristrutturazione. Diversamente, per i nuovi finanziamenti richiesti dopo il 30 Giugno 2021 la garanzia dei finanziamenti sopra i 30.000 euro scende dal 90% all’80% indipendentemente dalla durata del finanziamento.