Il Codice della crisi d’impresa e l’obbligo di un Sistema di allerta

Il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza 2019 (D.L. n. 14 del 12 gennaio 2019), attuativo della Legge n. 155/ 2017, e pubblicato in GU il 14 febbraio 2019, ha introdotto un sistema di procedure di allerta e di composizione assistita, finalizzate ad anticipare l’emersione dello stato di crisi aziendale e favorire la continuità aziendale. Il Sistema di Allerta è incentrato su alcuni indicatori atti a rilevare squilibri di carattere reddituale, patrimoniale o finanziario e sarà obbligatorio per tutte le imprese dal 16 Marzo 2019. 

 La riforma del diritto fallimentare, impone a:

  • Imprenditori e organi di amministrazione di dotarsi di strumenti di allerta interna in grado di rilevare tempestivamente lo stato di crisi permettendo che questi vengano gestiti prima che la crisi diventi conclamata e intervenga una denuncia ad opera dei soggetti abilitati (organi controllo societario, creditori pubblici qualificati). Per l'azienda che si è dotata ed ha attivato il sistema e le procedure di allerta preventiva sono previste delle misure premiali in caso di liquidazione giudiziale (ex-fallimento).
  • Organi di controllo e vigilanza (Collegio sindacale e Revisori) l’obbligo di attivare tempestivamente la procedura di allerta, in caso di fondati indizi di crisi,  prima nei confronti del consiglio di amministrazione e, nel caso di inerzia di quest’ultimo, dell'OCRI (Organismo di composizione della crisi d'impresa). Ciò presuppone di verificare costantemente l’equilibrio economico-finanziario, l’andamento della gestione e il monitoraggio del rischio d’insolvenza. 

GhostCFO ha sviluppato la piattaforma “Sistema di Allerta”, predisposta proprio sulla base della L. 155/17 (nuova legge fallimentare), che supporta imprenditori/amministratori e revisori/sindaci nell’assolvere all’obbligo imposto dal Nuovo codice della Crisi.

Codice della Crisi d’impresa e contesto normativo

Tra le principali novità apportate dal Codice della Crisi d’impresa e dell’Insolvenza (D.Lgs. 14/2019), attuativo della Legge n. 155/ 2017, e pubblicato in GU il 14 febbraio 2019 si segnala:

  • 16 marzo 2019 - entra in vigore l’obbligo per l’imprenditore che opera in forma societaria o collettiva, di dotarsi di un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale. (Sistema di Allerta interno di GhostCFO: strumenti e procedure per la rilevazione tempestiva di indizi di crisi individuati in ottica forward looking).
  • Dicembre 2019 - Scade il termine per la nomina dell’organo di controllo o revisore ed aggiornamento atto costitutivo e statuto per le società con un fatturato o totale attivo > 4 milioni di euro e n° di addetti > 20.
  • 15 agosto 2020 - Entrata in vigore di tutte le disposizioni del codice della crisi tra cui gli indici definitivi del CNDCEC, l'obbligo per gli organi di controllo e il revisore di segnalare al cda l'eventuale non adeguato assetto organizzativo, il prevedibile andamento della gestione, il disequilibrio finanziario dell'impresa nonchè l'esistenza di fondati indizi di crisi (art. 14 c.1). Inoltre le banche e gli altri intermediari finanziari sono tenute alla segnalazione anche agli organi societari per le variazioni o revisioni o revoche degli affidamenti  (art.14 c. 4). Slittano al 15/02/2021 le segnalazioni all’ OCRI da parte di organi di controllo/sindaci/revisori e creditori qualificati. 
  • 15 febbraio 2021 - Entrata in vigore della segnalazione di allerta all'Organismo di composizione della crisi d'impresa (OCRI), da parte dei sindaci o del revisore per mancata o insoddisfacente risposta del cda alle segnalazioni dell'organo di controllo o del revisore (art 14 c. 2) e dell'obbligo di segnalazione all'OCRI da parte dei creditori pubblici qualificati (INPS, Agenzia delle entrate, agente di riscossione) (art. 15). (Indicatori della Crisi di GhostCFO - Sistema di allerta Esterno: controllo indicatori della crisi che comportano la denuncia all’OCRI da parte dell’organo di controllo e creditori qualificati e verifica misure premiali).